Cito il Dott. Donato Saulle, Psicologo con interessi sulla percezione del colore, che riporta questo aneddoto:

“Tempo fa in una  fabbrica gli operai si lamentavano con il proprietario per il freddo che sentivano nel locale mensa, un locale che aveva le pareti imbiancate con un tono di blu, e chiedevano di aumentare il riscaldamento.

Il proprietario, non essendo di questa idea, fece invece dipingere le pareti con un tono di arancio: il risultato fu che non solo gli operai non avvertivano più il freddo, ma addirittura venne abbassato il riscaldamento”.

L’episodio èmolto carino perchè dimostra come la nostra mente regisca al colore.

In un reortage di matrimonio tutte le ripese si fanno a colori. Il fotografo ha alcune sue tendenze e preferenze. Comunque il fotografo cerca sempre di tarare gli apparecchi fotografici per una soluzione cromatica il più neutra possibile. Ci sono elementi hardware e software che permettono di gestire il BILANCIAMENTO DEL BIANCO, in modo da modificare almeno un poco le tonalità delle luci che illuminano la scena. Luci e scena che variano continuamente.

Gli sposi si spostano di continuo. In ambienti diversi troveremo illuminazioni diverse. Il fotografo manterrà un unico livello di bilanciamento del bianco. Correggerà solo in seguito le domianze del colore.

Nella fotografia a colori, in particolare nella realizzazione dell’album fotografico di matrimonio, è importante capire e conoscere la sensibilità degli sposi al colore.

Si possono realizzare stampe con un colore prevalente. In altre parole la scelta della fotografia, in cui un colore appare accentuato, naturalmente o in post produzione, è fatta per sincronizzarsi con il temperamento degli sposi.

Il prof. Lüscher  analizzo sperimentalmente le reazioni delle persone a determinati colori.  Ne scelse quattro di precisa tonalità, ed ottenne i seguenti risultati:

Il blu è uno dei colori primari e rappresenta tranquillità e felicità.
il grigio non corrisponde ad alcun colore, corrisponde al non prendere parte alle situazioni, tenersi alla larga, mantenersi a distanza dalle cose e dalle emozioni.
– il verde corrisponde alla capacità di perseverare, resistere ai cambiamenti, indica audacia e fermezza di carattere.
il viola mescola i colori rosso e blu ed indica sensibilità, ma anche fragilità emotiva.
Chi preferisce questo colore può avere difficoltà a mantenere il controllo sulle proprie emozioni.
E’ il colore scelto, solitamente, dalle donne in gravidanza, da chi ha un pensiero mistico o da chi vive ancora un po’ nel mondo dei sogni.
il marrone sta ad indicare l’apparato sensorio dell’individuo e il suo significato muta in base alla posizione in cui viene scelto.
– il giallo è l’opposto del verde, quindi laddove il verde indica perseverenza il giallo indica mutamento. Il giallo è un colore solare, ma anche mutevole, indice di discontinuità. Il suo significato è attribuito a seconda delle posizione in cui viene scelto.
– nero è il colore della negazione e della rinuncia.
Naturalmente la trattazione di Lüscher ed i suoi esperimenti sono molto più ampi. Ma riportare questi elementi caratteriali legati al colore ci aiuta a comprendere cone una fotografia, o nel caso dell’album una sequesnza di fotografie possa venir “elaborata” in modo da avvicinarsi di più alle sensazioni, ed al carattere del soggetto.